Una dieta bilanciata è il presupposto per rendere più forte e resistente alle malattie il nostro organismo. Basta leggere i consigli dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Salute), per capire come la nostra buona salute non possa prescindere da un apporto adeguato di energia e di nutrienti. Proprio questo è il modo migliore per prevenire  carenze o eccessi nutrizionali che potrebbero infine avere conseguenze di larga portata.
Per poter definire bilanciata una dieta, è fondamentale il consumo giornaliero di frutta e verdura, la cui media dovrebbe aggirarsi intorno ai 400 grammi. Un livello che in Italia, nonostante il record appena fatto registrare in tema di consumi è ancora abbastanza lontano, se si considera come in base alle statistiche disponibili i nostri connazionali si fermino a circa 300 grammi ogni giorno.
Al contempo va rilevato come si stia verificando una svolta dal punto di vista culturale, soprattutto tra i più giovani, sempre più votati a stili di vita più salutari, in cui proprio il consumo di vegetali è centrale.
Una svolta favorita anche dalla tecnologia, in particolare con una serie di dispositivi in grado di andare incontro a queste esigenze, tra i quali si fa notare l’estratore di succo. Per capire meglio da un punto di vista tecnico questo piccolo elettrodomestico rimandiamo ai tanti articoli proposti da guidaestrattori.it, una vera e propria guida che propone una gran mole di preziose informazioni al proposito.

Cos’è l’estrattore di succo

Per estrattore di succo si intende il dispositivo che provvede ad estrarre il succo dalla frutta e dalla verdura a temperature basse e con estrema delicatezza, modus operandi studiato proprio per evitarne l’ossidazione.
Il lavoro avviene infatti ad un ritmo compreso tra le 60 (nei modelli di ultima generazione anche meno) e 160 rotazioni al minuto, che permette al dispositivo di mantenere invariati i nutrienti della parte liquida della frutta. Al contempo sono scartati automaticamente la polpa e la buccia, dando luogo ad un procedimento che porterà infine ad un preparato del tutto privo di residui solidi.

Quali sono i vantaggi dell’estrattore di succo?

Il vero vantaggio garantito dall’estrattore di succo è quello che conduce ad una digestione più rapida. Se, infatti, l’assunzione di alimenti solidi comporta un notevole allungamento dei tempi di digestione, che possono spingersi a circa 3 ore, a causa della notevole resistenza delle pareti cellulari, il succo di frutta accorcia il processo di digestione ad appena 15 minuti. La velocità di un processo digestivo portato avanti in questo modo comporta inoltre un innalzamento del tasso di assorbimento dal 17%, quello evidenziato dall’assunzione degli alimenti solidi, sino al 65% che caratterizza i succhi. Un vantaggio che si somma ad un atteggiamento più positivo da parte dei più piccoli e che sta rapidamente convincendo molti consumatori ad adottare l’estrattore di succo nelle proprie cucine.